lunedì 25 novembre 2013

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Femminicidio è un termine che purtroppo ricorre sempre più spesso nelle notizie di cronaca nera. Dall'inizio del 2013 ad oggi sono state uccise 100 donne, secondo i dati raccolti dal Telefono Rosa. Ma si tratta di un bilancio non ufficiale, dal momento che in Italia non esiste un osservatorio nazionale sul femminicidio: quando il 14 luglio 2011 il Comitato CEDAW ha chiesto al nostro Paese i dati sul fenomeno, il Governo italiano non è stato in grado di fornire una risposta.“ Comincia così l’articolo pubblicato da www.alfemminile.com , che pubblica anche un grafico con dati che non vorremmo vedere più.












Nel 2009 SS&C ha realizzato questo video.

http://www.youtube.com/watch?v=UhL--10pAps















Purtroppo, negli anni successivi il numero non è affatto diminuito, ma aumentato in una escalation di violenza che non può più essere ignorata e che deve diventare una priorità nelle agende nazionali. 

venerdì 8 novembre 2013

LOGO E IDENTITA’

Il logo è il primo strumento di comunicazione con cui l’azienda si presenta. E attraverso il logo si comunica moltissimo sull’impresa, sull’associazione, sul club. Con il logo l’azienda sarà riconosciuta, rappresentata nei suoi valori, nella sua filosofia, nella sua categoria di mercato. 

E, se è stato progettato identificando nel modo corretto l’azienda, la rappresenterà per molto tempo, acquistando valore economico e sociale.

Ecco gli ultimi loghi realizzati in SS&C.

Da sinistra:
un'azienda impegnata nell’attività di gestione e recupero crediti;

consulenti di home staging e relooking;

un evento per azienda di illuminazione con led.

E, per chiudere in poesia, a destra,  un’associazione di poeti.

martedì 5 novembre 2013

Rene Policistico: “Parlarne è già combatterlo”

 

AIRP onlus (Associazione Italiana Rene Policistico) in occasione del 54° Congresso Nazionale della Società Italiana di Nefrologia, a fine Settembre a Firenze, ha presentato due volumi dedicati alla malattia del Rene Policistico Autosomico Dominante (ADPKD).

I due volumi redatti da AIRP Onlus e realizzati graficamente da SS&C, sono un valido aiuto per le famiglie e per gli specialisti che ogni giorno combattono contro questa invalidante patologia. Una bellissima iniziativa che ha lo scopo di portare l’attenzione su una malattia poco conosciuta e ancora  priva di un approccio terapeutico.



“Abbiamo sentito la necessità di offrire a tutte le persone affette da rene policistico, e alle loro famiglie, uno strumento utile per affrontare al meglio la loro condizione di salute – ha dichiarato Luisa Sternfeld Pavia, Presidente di AIRP Onlus In qualità di associazione di pazienti, inoltre, rinnoviamo così il messaggio di vicinanza a tutti loro e proseguiamo la nostra sfida nel diffondere la conoscenza della malattia e del suo impatto individuale e sociale”.

venerdì 25 ottobre 2013

Vuoi sorridere con noi?






SS&C firma la nuova campagna di comunicazione per Equipe del Sorriso: centro dentale low cost di qualità con sede a Varese e a Civitanova Marche.
Il progetto comprende il completo restyling di logo e immagine coordinata, l’ideazione di un nuovo payoff identificativo del posizionamento “La bocca che sogni al prezzo che vuoi”.
Spesso il costo delle cure dentarie diviene motivo di rinuncia a prendersi cura del proprio aspetto, generando un senso di privazione e scontentezza. La nuova campagna “Il preventivo vi farà ridere” comunica invece, con un taglio decisamente inusuale per uno studio dentistico, che curarsi i denti è facile e alla portata di tutti.
La campagna è on air con affissioni locali, stampa quotidiana e periodica, pubblicità dinamica e volantinaggio; a breve anche la pubblicazione del sito istituzionale.



 

venerdì 2 agosto 2013

TEMPO DI CALDO, IN CITTA’, SULLE SPIAGGE, IN PISCINA SI SCOPRONO I TATUAGGI. MA…UN TATUAGGIO E’ PER SEMPRE.

Sempre da Marie Claire – deliziosa newsletter – un articolo di Dal Buono racconta di tatuaggi.

"Fa caldo e tutti si svestono………, tra canottiere, shorts e bikini, trovano attimi di celebrità i vostri splendidi tatuaggi, care signore.

Nel contemplarli, mi ritrovo ad ammirare il coraggio col quale dimostrate di ignorare la nozione di irrevocabilità. I piercing si possono togliere (al massimo lasciano un buchetto dove, all’occorrenza, infilare la penna in mancanza di camicia col taschino), i dread si tagliano, i capelli colorati prima o poi cangeranno (o cadranno), invece, un tatuaggio è per sempre (o quasi). Ne siete veramente consapevoli?

La S che vi siete tatuate sul collo del piede in onore del vostro fidanzato Stefano, un giorno (anni dopo che l’avrete sorpreso a copulare con la fruttivendola) preferirete spacciarla per l’iniziale del vostro bisnonno, Sigismondo.





Il cuoricino, tanto simpatico e velatamente sexy, che avete voluto sull’inguine, tra un paio di decenni – causa cedimento epidermico – assomiglierà a quello di un cardiopatico allo stato terminale e le macchie della pelle saranno altrettanti bypass.

La mezza luna sul polso, infiappendosi insieme al tono della pelle, assomiglierà sempre più a uno di quei croissant che il barista non è riuscito a vendere per tutta la settimana.

Le citazioni argute, romantiche, o celebrative, diventeranno quasi illeggibili, come scritte su fogli immersi nell’acqua, con l’inchiostro che sbava e che cola.

I tribali muteranno così tanto che, se effettivamente in una tribù voi viveste, i compagni vi truciderebbero nella notte, perché il vostro marchio sarà cambiato così tanto da assomigliare a quello di una tribù nemica.

I caratteri latini dietro gli avambracci diventeranno gotici, quelli gotici arabi, quelli arabi cinesi, e quelli cinesi…marziani?

E se le croci, cedendo, arrivassero ad assomigliare a svastiche?

I codici a barre sotto le nuche saranno un giorno sì vetusti che, se voi foste merendine o scatolette di tonno, non verreste consumati neppure da quelle nonne che hanno passato la guerra, non verreste donati neanche all’ultimo degli orfanotrofi, neanche dal più ipocrita dei filantropi.

Cagnolini, gattini, orsetti e scoiattolini, regrediranno a uno stato evolutivo adatto all’era giurassica o assumeranno le sembianze di altrettanti gargoyles."

E l’articolo continua così, sempre più crudele.

Comunque: ecco alcuni tatuaggi fotografati in agenzia. Si mantiene il più totale riserbo sui proprietari.

























Ecco invece una vecchia campagna di SS&C. Solo un tatuaggio è un fine lavoro di Photoshop. Indovinate quale.


mercoledì 24 luglio 2013

I.DIVORZIO (si legge AI DIVORZIO), Sì PARLIAMO DI UNA APP.

(Sottotitolo: scarica l’app prima del partner!).

Sembra una delle App inventate da Lillo & Greg su Seiunozero. In realtà è una App messa in commercio da 22hbg che dice “I Divorzio” e, continua cinicamente, “l’amore è gratis, il divorzio no!”.

Un divertente articolo di Enrico Dal Buono su MarieClaire.it ci parla con grande spirito di questa uova App. Giusta giusta in tempi di crisi per risparmiare sull’avvocato divorzista e sapere quanto ci costerà il divorziare.

Gli avvocati divorzisti sono senza dubbio competenti, ma molto costosi e per raggiungerli bisogna, se non guidare fino all’altro capo della città, quantomeno spostarsi di un paio di isolati, prendere le scale (malus estivo: vostra iper-sudorazione) o un ascensore (malus estivo: altrui iper-sudorazione). E se ce ne fossero di gratuiti, disponibili a casa vostra. Anzi, in mano vostra – e al fresco del condizionatore.

Disponibile per Android, Windows 8 e iOS. In pratica vi dà un’idea di quanto vi costerebbe divorziare. O, perché no, di quanto ci guadagnereste. Suvvia, non siamo ipocriti, la crisi tira fuori il peggio di tutti noi. Un ottimo esempio di cinismo 3.0: meglio scaricare l’app, prima che il partner.

Sul display vanno inseriti pochi dati. Stipendio di lei, di lui, anni di matrimonio, figli a carico, com’è da distribuirsi la colpa (no, care, siate oneste, i suoi calzini sporchi sul divano non sono classificabili come autentica “colpa”).

“E perché dovrei raccontare i cavoli miei a uno smartphone?”, direte. Perché l’app vi indicherà la tempistica del processo, l’entità dell’assegno mensile che vi spetta o che dovrete versare, le spese legali. Infine sullo schermo comparirà un aforisma sull’amore. Ciliegina sulla torta o (ahinoi, trascurabile) premio di consolazione? Certi della vostra moralità integerrima, più che della vostra furbizia, siamo convinti sarà una dolcissima ciliegia.”


  

venerdì 5 luglio 2013

Diner en blanc
























Foto dalla pagina FB cenaconme.

Avevo letto dei famosi “Diner en blanc” in alcuni romanzi, ma in tutta sincerità credevo che fossero idee nate dalla fantasia degli scrittori.
Ieri sera invece, complice la bacheca FB di un’amica, ho scoperto che a Milano si è tenuto un evento meraviglioso.
Attraverso Facebook e altri social network un nutrito gruppo di persone si è dato appuntamento nel centro di Milano, ha allestito tavoli e buffet di gran classe e ha trascorso insieme una bellissima serata.
Poche, ma ferree le regole dettate dagli organizzatori:
-        Il luogo scelto per l'evento verrà comunicato 24 ore prima dell'evento.
-        Occuperemo la piazza alle 20.30 esatte e ci disporremo ordinatamente in file di tavoli.
-        A mezzanotte in punto lasceremo la piazza come l’abbiamo trovata, raccogliendo ciascuno i propri rifiuti.
-        Portare tavoli e sedie: suggeriamo agli uomini di fare i cavalieri...ma siamo certi che i tavoli al femminile non mancheranno di spirito d'organizzazione.
-        Il dress code è TOTAL WHITE: abiti bianchi, tovaglie bianche, piatti bianchi in ceramica (no plastica, no carta), calici ecc. Molto graditi fiori candidi e candele.
-        Per il cibo: provate ad immaginare un pic-nic elegante e facilmente trasportabile (non necessariamente in bianco).
Ieri sera più di mille persone hanno raccolto l’invito, si sono trovate in Piazza XXV Aprile, hanno cenato insieme e sono svanite a fine serata senza lasciare segno del loro passaggio.
Un po flash mob, un po’ pic-nic e molto milanese nello stile.
Comunque adesso clicco mi piace sulla loro pagina FB perché al prossimo appuntamento non voglio mancare.

Isabella



http://milano.mentelocale.it/53479-milano-cena-bianco-2013-foto/

lunedì 1 luglio 2013

QUANTO PUO’ ESSERE STUPIDO IL MODO DI PUBBLICIZZARSI?















La memoria di Falcone e Impastato non può essere offesa da un panino austriaco.

Con questa affermazione è stata fatta una raccolta di firme che ha raggiunto l’obiettivo: il sito che offendeva la memoria di Peppino Impastato e Giovanni Falcone è stato oscurato.
 

Così scriveva Danilo Sulis, Presidente di Rete 100 passi:
“Siamo venuti a conoscenza che in una panineria viennese, Don Panino, si vendono panini dai nomi: Don Greco, Don Buscetta, Don Corleone, Don Mori, Don Falcone e Don Peppino, quest'ultimo con chiaro riferimento a Peppino Impastato. 
Nella descrizione del menù si legge: “Siciliano dalla bocca larga fu cotto in una bomba come un pollo nel barbecue”.



Per quello su Giovanni Falcone la descrizione è invece: “Sarà grigliato come un salsicciotto”. 
 
Riteniamo l'episodio gravissimo e frutto non solo di un utilizzo di cattivo gusto per motivi commerciali, ma di qualcosa di più profondo. Il menù oltre ad essere offensivo nei confronti di Falcone ed Impastato fa un lavoro più sottile accomunando boss mafiosi e collusi con le vittime della mafia.

 
Temiamo che non si tratti di un episodio occasionale, di luoghi comuni sull’Italia o di un episodio di xenofobia. Il logo del locale che richiama il manifesto del film “il padrino” lo abbiamo già visto anche in Germania, in alcuni locali spesso gestiti da italiani.
Chiediamo quindi al Ministro degli Esteri Emma Bonino di intervenire presso le autorità austriache per l'immediata messa al bando di questi prodotti, l'oscuramento del sito e per l'avvio di accertamenti sull'origine dei locali che in Europa portano questo marchio.”
Grazie alle oltre 33.000 firme raccolte con la petizione, la Farnesina è intervenuta chiedendo, e ottenendo, l'oscuramento del sito di Don Panino dove si trovavano i vergognosi panini Don Peppino e Don Falcone.

ALLEGATI PESANTI?

Fantastica questa campagna di Yahoo Mail.
Riporta alla mente quelle gigantesche affissioni in 3D che si vedevano sulle strade americane e che noi vivevamo con un amaro senso di inferiorità rispetto alle nostre affissioni bidimensionali e mai così coraggiose.

Questa parte di ponte dipinta sullo sfondo e staccata crea un colpo d’occhio notevole.

Messaggio: Con Yahoo Mail puoi inviare gli allegati più pesanti, (come un ponte).

















https://fbcdn-sphotos-e-a.akamaihd.net/hphotos-ak-frc1/995670_10151659018873711_23349504_n.jpg

mercoledì 19 giugno 2013

SONO SODDISFAZIONI.

























Ecco un altro trofeo appena arrivato in SS&C, che andrà a fare bella mostra di sé con gli altri, nella nostra sala riunioni. Merito di un gruppo di collaboratori che ha portato in una struttura piccola e leggera il pensiero e la creatività delle grandi agenzie. I risultati, nostri e dei nostri clienti, ci danno fiducia e voglia di condividere una ricetta che funziona.

Ed ecco la foto della premiazione, avvenuta durante la serata ufficiale della XVII edizione del Premio a Milano il 12 giugno 2013.


 














Sul palco: Anna Sternfeld, in rappresentanza di AIRP, Alberto Favalli, sound designer di Guicar, Gabriele Braggion, copywriter, Giampiero Soru per SS&C, hanno ritirato i premi per la campagna AIRP (Associazione Italiana Rene Policistico).

Sezione RADIO:
Primo Classificato Categoria Sociali-Non Profit
Special Star per Copy
Special Star per Editing

E, finalista in Short List per SOCIALI - TELEVISIONE

MEDIASTARS, considerato uno dei più autorevoli riconoscimenti a livello nazionale per la realizzazione di campagne di Advertising, Corporate Design e Comunicazione Multimediale e per la valorizzazione dei tecnici professionisti,  premia la creatività e la professionalità di chi opera per lo sviluppo di soluzioni di comunicazione classica e multimediale.

Giunto alla sua XVIII Edizione il Premio è suddiviso in quattro diverse aree, che riassumono tutti i campi della comunicazione: Press & Poster e Audio & Video, Corporate Identity, Promotions e Packaging Design e infine Comunicazione Multimediale, Internet e Advertising online e CD Rom/DVD composte da 12 diverse Sezioni. 

Mediastars è un premio indipendente che si propone di mettere in luce il valore della professionalità di chi tecnicamente contribuisce con il proprio apporto alla riuscita di una comunicazione pubblicitaria.

Grazie ancora e complimenti ai professionisti!

Ecco le interviste rilasciate da Giampiero Soru di SS&C: http://www.mediastareditore.com/mediastars/?doc=4260

Enrico Grisanti di XTV Production: http://www.mediastareditore.com/mediastars/?doc=4244 , la casa di produzione che ha realizzato il video per la TV, sempre realizzato da SS&C, con la direzione artistica di Domenico Stragapede e Gabriele Braggion.

martedì 11 giugno 2013

FAMOSI RESTYLING


Sta per cambiare uno dei simboli sociali più noti: quello che si vede nei parcheggi, nei bagni e nelle altre strutture pensate per i disabili. Niente più carrozzina statica.
Gli studenti di un college americano hanno ripensato la figura stilizzata che non sarà più “passiva e inermema una persona che partecipa, si muove, è attiva e non dipende semplicemente dagli altri.
Ecco quindi che il disabile è proiettato in avanti, con le braccia che vanno indietro per spingere la carrozzina, le gambe sono inclinate in avanti e le ruote del mezzo sono in movimento.
La città di New York ha deciso per prima di adottare il logo "in movimento" del Gordon College per tutte le aree e i servizi per disabili, che sostituirà quello vecchio entro l'estate.

 

















Nella foto: il professor Brian Glenney del Gordon College mostra il contrassegno inventato dai suoi studenti.
Da Vita.it


martedì 4 giugno 2013

LA PUBBLICITA’ E’ ARTE?

La domanda, già posta e dibattuta, diventa il titolo di un bell’articolo di Emma Gabriele su ArsKey  - magazine d’arte moderna e contemporanea. 

“In un mondo saturo di immagini, quali sono da considerare arte? Il dibattito culturale degli ultimi anni rende oscura la risposta. Ci sono teorici che si aggrappano all’idea che vendere non è fare arte e al lato opposto, gli operatori del settore artistico e pubblicitario mischiano e sovrappongono progetti, confondendo l’orizzonte della risposta. Nel libro A lezione dai Mad Men, edito dal Sole24 Ore con la prefazione di Jacques Sèguèla, si tenta di dare una risposta a questo interrogativo e a dipanare le nebbie.” ……….

….”Il filosofo Marshall McLuhan definisce pubblicità "la più grande forma d’arte del XX ° secolo." La verità è che oggi l’arte sta intrecciando grossi e perduranti rapporti con la pubblicità. Rimangono in vita le stesse domande: l’advertising è genio creativo, arte o capacità di capire l’essere umano? O è solo una piccola applicazione del quotidiano che usa tecniche raffinate e si avvale dell’apporto di psicologi, artisti, disegnatori e registi famosi?

La campagna pubblicitaria della Tim nel 2002 – Libertà, Fraternità e Uguaglianza di tariffa per tutti – richiama un celebre dipinto di Delacroix. Bacco di Michelangelo Buonarroti, anno 1497, e il Bacchino malato di Caravaggio del 1593 sono evidentemente ripresi per la pubblicità del vino Castellino con l’attrice Giovanna Rei nel 2000. Le opere di Michelangelo, anche quelle che l’artista ha lasciato incompiute, costituiscono un modello autorevole per il linguaggio della pubblicità: si veda la campagna pubblicitaria della griffe Kookai in Francia nel 2001 e la somiglianza con la Pietà di Michelangelo Buonarroti del 1499. La pubblicità della Renault Laguna si rifà a un episodio dell’incontro di Ulisse con le Sirene: «Tu arriverai prima dalle Sirene, che tutti gli uomini incantano, chi arriva da loro».

La risposta non si sostanzia nell’evidenza che l’advertising fa uso dell’arte: ogni artista vende. Picasso non dipingeva per se stesso, Michelangelo disegnò la Cappella Sistina commissionato da Papa Sisto IV della Rovere. La pubblicità esprime fenomeni di innovazione creativa, che sono rilevanti anche in campo propriamente artistico. Nel 1990 al Centre Pompidou di Parigi fu allestita una mostra con il nome di “Art & Publicité 1890-1990” che insegnava a guardare le forme della pubblicità come un fenomeno artistico. Sarà una prova a favore della tesi portata avanti nel libro A lezione dai Mad Men www.madmenadv.com

Visto il riferimento a madmen potevamo non pensare al fascinoso Don Draper della agenzia di Madison Avenue.



 
















Mai visto uno così in SS&C. Purtroppo.

Ecco una campagna che coniuga arte e pubblicità, realizzata da SS&C Marketing e comunicazione per il cliente Verimec, Gruppo Massilly, vincitrice di un primo premio di categoria a Targa d’Oro e del merchandising

 

giovedì 30 maggio 2013

Successo delle campagne DEM nel Regno Unito

Esperti di marketing del Regno Unito hanno condotto una ricerca presso le aziende che hanno investito nel Direct mail marketing: secondo i due terzi di esse le campagne DEM hanno dato risultati eccellenti.
Gli esperti dunque prevedono che anche quest’anno i risultati saranno buoni. Si tratta del  Marketing Industry Census 2013”, realizzato da Econsultancy per conto di Adestra e pubblicato sul sito Emarketer.com
Così prosegue l’articolo “Un livello di soddisfazione così alto è sicuramente stato raggiunto anche grazie all’aumentata esperienza delle aziende in aree come la segmentazione delle liste di email, i contenuti dei messaggi, la targhetizzazione e i programmi di invio automatico. Tutto questo contribuisce a raggiungere gli utenti con comunicazioni molto più ad hoc e sofisticate.
Solo il 15% degli intervistati ha riferito, invece, che le proprie campagne hanno fallito. Le cause maggiori sono state la scarsa qualità dei database (50%), la mancanza di una strategia (43%), la scarsa attenzione e il poco tempo dedicati alle attività DEM (41%).
Ciò nonostante, l’email è un mezzo che performa molto bene perché si presta a una molteplicità di scopi, inclusi il brand building e l’acquisizione clienti. Molte aziende intervistate, infatti, hanno affermato che le DEM hanno contribuito al raggiungimento dei loro obiettivi di business.
Tra i tipi di email considerati migliori, la newsletter. Almeno un quarto degli intervistati dichiara come mezzi di successo anche i messaggi di benvenuto e di ringraziamento, i sondaggi, le offerte limitate nel tempo e gli alert delle news.” (da web performance.it)

Ecco alcuni esempi di Direct Mail marketing realizzati da SS&C – agenzia di marketing e comunicazione di Varese.




lunedì 27 maggio 2013

UN’APP AL GIORNO

-->
UP. Un altro UP: non è il tenero film della Pixar né il modello della Volkswagen.



Si tratta di “un sistema formato da un braccialetto e da un'App. Insieme monitorano quanto dormi, quanto ti muovi e quanto mangi. UP ti fornisce utilissime informazioni sul tuo stile di vita sulla base dei tuoi progressi quotidiani, per migliorare te stesso e sentirti al meglio”.


DORMI
MUOVITI
MANGIA
Monitora in modo intelligente quante ore hai dormito, il sonno leggero, il sonno profondo e quando ti sei svegliato.
UP registra tutte le tue attività quotidiane per fornirti un quadro preciso e completo.
Scegli da un vasto menù di cibi o scatta una foto di quello che mangi per capire cosa ti fa sentire al meglio.
L'idea è semplice:
impara a conoscerti, per scegliere sempre la strada giusta.



Così dice la DEM arrivata oggi da un fornitore; seguono le iconcine e l’annuncio dell’arrivo sul mercato italiano di Up, lo speciale braccialetto dotato di sensori che permette di registrare costantemente i parametri corporei sincronizzando i dati sull’iPhone o sullo smartphone Android di chi lo indossa. Arrivato da Jawbone sul mercato italiano la prima settimana di maggio, Up è compatibile con 8 servizi di tracking per iOS che aiuteranno l’utente a tenere traccia in maniera efficace di molti aspetti contemporaneamente, dalla qualità del sonno all’umore, per capire come essi possano influenzarsi a vicenda e come sia possibile migliorare la propria salute generale attraverso una migliore consapevolezza.



Mentre possiamo dire che tutto ciò che migliora la salute in generale – e dunque la qualità della vita - è benvenuto, non possiamo che prendere atto che c’è chi si rompe la testa per far uscire un’app al giorno, per qualunque cosa, bella o utile,  brutta o inutile.


Appena letto di un’app con cui tenere d'occhio i bicchieri d'acqua bevuti, ricevere una notifica quando è il momento di farsi un goccetto idratarsi e adattarla alle vostre esigenze (personalizzando sesso, peso ed età).



Altra destinata alle signore che permette di tenere traccia dei propri cicli, calcolare i periodi di fertilità e altre cose da donne.



Saputo anche che “Fotografare cibi e piatti al ristorante è un hobby …che impegna il 52% dei possessori di iPhone almeno una volta al mese e, in casi patologici, nasconde una vera e propria adorazione, con effetti euforici simili a quelli del sesso.” E dunque: Non fatevi mancare niente con l’App che per tutti i giorni (golosi), sarà una delle migliori compagne per la fotografia "alimentare": scegli il design, il ristorante in cui ti trovi, carichi la foto e condividi.



Tristemente scoperto anche: MustacheMe potrete aggiungere baffi a tutti i vostri amici.



Fino al momento in cui non ne potremo più. Già lo so.

sabato 6 aprile 2013

WHAT WOMEN WANT


Non è solo il titolo di un filmetto di oltre dieci anni fa con Mel Gibson quand’era ancora figo, ma il titolo di una interessante ricerca condotta da LinkedIn.

Marie Claire pubblica un interessante articolo, sulla base dei i risultati dell'indagine al femminile su donne e lavoro.

Questa prima ricerca riguarda l’intervista di 5.300 donne in tutto il mondo (400 in Italia) provenienti da 13 paesi e settori diversi, per un'età compresa tra i 18 e i 65 anni.

Ma cosa vogliono davvero le donne sul lavoro?

Ecco alcune curiosità sulla situazione italiana in 5 punti.

1. Essere social
Social-networking, connessioni lavorative online e brainstorming quotidiano sul web: l'85% delle italiane utilizza i social e si dichiara convinta della loro utilità per entrare in contatto con persone con le quali solo grazie al web è possibile entrare in connessione. LinkedIn poi, è utilizzato dal 24% delle intervistate. Anche se l'azienda ricorda: una foto mancante, sbagliata o inadeguata costa all'utente sette visite in meno sul proprio profilo, equivalenti a 7 (possibili) opportunità di lavoro in più.

2. Fattore S(uccesso)
Le più appagate a livello lavorativo in Italia? Secondo la ricerca di LinkedIn sono le donne che vivono in Campania, Lazio ed Emilia Romagna. Due su tre in tutta Italia però spostano l'appagamento sul tema lavoro e figli, dichiarando che alla base del successo ci deve essere "anche da una legislazione che supporti i genitori che lavorano".

3. Donne senza una guida
Chi ti spiega dove sbagli? Chi ti ispira ogni giorno come una guida, un esempio da seguire? (Forse) quasi nessuno: solo in Italia infatti, un terzo delle donne intervistate ha spiegato che tra le più grandi difficoltà sul proprio percorso lavorativo c'è proprio la mancanza di un/una mentore. Benvenuto fai-da-te?

4. Mamme vs Lavoro
Alla domanda «diresti di aver avuto una carriera di successo fino a oggi?» risponde sì il 70% delle mamme, contro il 62% delle donne lavoratrici senza famiglia. Il 34% delle non mamme poi, crede che un ambiente di lavoro flessibile sia di vitale importanza per il futuro contro il 22% di chi è madre, che punta su una più ampia presenza delle donne nei board aziendali (30%) e in un maggiore supporto governativo (28%). La sfida però più importante rimane sempre una sola: riuscire a conciliare perfettamente famiglia e carriera.

5. Positive, nonostante tutto
La vera notizia è che, nonostante tutto, in Italia siamo ancora positive: il 57% delle donne italiane ha infatti dichiarato che oggi crede sia ancora possibile riuscire a conciliare una carriera appagante, una relazione e una famiglia con figli. Ma non solo: a livello mondiale la percentuale di positività arriva fino al 74%. Quando dicono che le donne non mollano mai...


Illustrazione: Vanni Soru

venerdì 29 marzo 2013

UN ALTRO PREMIO PER SS&C e AIRP




La collaborazione tra SS&C e Airp si conferma ancora una volta vincente, in tutti i sensi.
Mediastars, infatti, ha premiato la campagna Airp “Vogliamo che tutte le passioni possano diventare grandi” con il Primo Premio nella sezione Radio per la categoria Social-Non Profit, al quale si aggiungono due Special Star, una per il Copy ed una per l’Editing.

Ringraziamo l’Associazione Italiana Rene Policistico e tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione della campagna. Un riconoscimento che premia il lavoro di tutti e che premia lo sforzo di una associazione come AIRP per far conoscere la patologia ereditaria del rene policistico. AIRP sostiene la ricerca finalizzata all’individuazione di una cura specifica, capace di bloccare la progressione della malattia. E questo è l’obiettivo più importante per cui AIRP va conosciuta e aiutata.

Qui potete ascoltare il radio-comunicato. Copy: Gabriele Braggion



E qui il backstage, realizzato durante la registrazione del comunicato audio e dello spot video:



venerdì 8 marzo 2013

8 Marzo. Auguri a tutte le donne.

Per la Festa della donna c’è solo l’imbarazzo della scelta. Il web trabocca di notizie di ogni genere.
Il nostro augurio a tutte le donne, con questo video, creato da Fabrica, l’agenzia di Treviso del gruppo Benetton,  sostenuto e selezionato dall’ufficio europeo delle Nazioni Unite. Una riflessione al femminile tra un esercito invincibile di donne in terracotta che lottano ancora per l'emancipazione. Il video sarà trasmesso fino a domenica 10 marzo in vetrina sulle live windows dello store Benetton di Piazza Duomo a Milano. (Marie Claire.it)


sabato 2 marzo 2013

Telethon tramite SEA premia la ricerca AIRP



Il progetto di ricerca sul rene policistico si rafforza grazie alla generosa donazione di SEA a Telethon. Infatti, grazie alla cooperazione fra Telethon e il mondo delle imprese, SEA ha deciso di contribuire e finanziare il progetto, al quale partecipa anche AIRP, con un fondo di 50.000 Euro.


                                       Dr.ssa Alessandra Boletta, responsabile della ricerca sul rene policistico.

La ricerca, condotta dalla dottoressa Alessandra Boletta presso l’Istituto Scientifico San Raffaele di Milano, studia le cellule mutate che provocano la malattia del rene policistico, con lo scopo di trovare terapie in grado di prevenire la proliferazione delle cisti stesse.
La donazione giunge in concomitanza con la conclusione della campagna di comunicazione AIRP curata da SS&C, diffusa su tutti i media nazionali (solo per citarne alcuni: Sky, Rai, Mediaset, La7, Mondadori, Cairo Editore).

                                                Luisa Sternfeld Pavia, presidente di AIRP Associazione italiana rene policistico.

sabato 23 febbraio 2013

Google: l’Italia è il secondo brand nel mondo per ricerche online e la terza destinazione turistica dopo Usa e Cina

Leggiamo su Event report:

“L’Italia è il secondo brand per numero di ricerche effettuate su Google nel mondo, preceduto soltanto da Coca-Cola. E in qualità di destinazione turistica, soltanto Stati Uniti e Cina possono vantare un numero di ricerche più elevato”. A fornire questi dati è stato Carlo D’Asaro Biondo, presidente delle operazioni Google in Europa, Medio Oriente e Africa, collegato in videoconferenza da Dublino giovedì scorso in occasione della presentazione in BIT del Piano strategico per lo sviluppo del turismo Italia 2020.
Il Piano è stato presentato dal ministro Piero Gnudi e dai consulenti che hanno contribuito alla sua redazione Massimo Bergami, dean dell’Alma Graduate School dell’Università di Bologna, e Nicola Pianon, managing director di Boston Consulting Group; gli interventi hanno sottolineato che il digitale ha un ruolo determinante per riposizionare, promuovere e commercializzare il prodotto Italia ed è uno degli ambiti su cui si concentra l’attenzione delle 61 azioni indicate dal documento come necessarie per restituite competitività all’industria turistica italiana.

I siti italiani di turismo hanno 216 milioni di visitatori unici l’anno” ha detto quindi D’Asaro Biondo. “Il numero è in crescita del 16%, ma è tuttavia ancora relativamente basso rispetto ad altre destinazioni. Oggi le ricerche su internet legate al turismo si sono moltiplicate esponenzialmente, grazie anche ai dispositivi mobili, smartphone in primis: i siti di alberghi e i siti che raccontano un luogo o una destinazione e che ne spiegano i contenuti sono fondamentali”.
Qui il link che porta all’articolo 



(Costiera amalfitana da “Fotoeweb”)


Purtroppo, come si legge andando a cercare con cura anche nel web, nessuno dei vari schieramenti politici che si presentano alle elezioni contempla nei propri programmi incentivi, punti, proposte che qualifichino e rilancino il turismo nel nostro paese. Che significherebbe sviluppo per mercati collegati, dall’agroalimentare, al commercio, ai servizi.

Sconfortante, no?

mercoledì 20 febbraio 2013

ARTE PURA

In ciascuno di noi c’è un artista. Tutti hanno bisogno di esprimersi creativamente. Daniela ha certo sentito questa esigenza, come molti, quando il suo lavoro in azienda la costringeva a muoversi tra contratti di lavoro e arida contabilità. Ed ecco, una volta in cucina, la trasformazione.  Ecco uscire dalle sue mani fatate (questo sicuramente hanno pensato i suoi bambini, uno dei quali, crescendo ha manifestato lo stesso amore per la cucina) animali, torri d’avorio, fantasmini e castelli da fiaba:  torte e dolci che sono degli autentici capolavori. Torte che non si ha il coraggio di intaccare con un coltello da dolce, quasi fossero delle creature vive.


E oggi, per il suo compleanno, Daniela si è confezionata questa torta meravigliosa, arrivata virtualmente in agenzia a mezzo dell’ I phone di sua sorella Isabella (Account e confezionatrice di deliziosi biscotti natalizi ma – diciamo la verità – non c’è storia…).


A Daniela i nostri complimenti SPERTICATI e i nostri AUGURI più cari!

Lo staff SS&C

lunedì 18 febbraio 2013

Elezioni, vuoti gli spazi delle affissioni

Leggiamo da “You reporter”
Dal sedile del taxi si nota una cosa mai vista prima.
A meno di una settimana dalle elezioni, ci sono spazi vuoti ovunque in città dove si possono affiggere manifesti elettorali.
Se consideriamo che i signori della casta politica non pagano neanche l’imposta comunale sulle affissioni (i privati pagano eccome) pubblicitarie delle campagne elettorali, significa che anche la casta è in "difficoltà"...

Da “Ttnews24”
Mancano 20 giorni alla fine della campagna elettorale e, al di là dei dibattiti in tv, nessuno se n’è ancora accorto. Pochissimi, quasi nessuno, i big arrivati sul territorio ma a sorpresa spazi di pubblica affissione completamente vuoti. Nella storia recente del paese non si ricorda una tale paradossale situazione dalla quale sembra quasi che i partiti siano talmente poco interessati ai cittadini da non chiedere più neanche il voto attraverso i manifesti.
Da cosa deriva tutto questo? Semplice. Da una legge elettorale che ha tolto ai cittadini il diritto di scegliere i propri rappresentanti con la sola populistica possibilità di optare quel un partito e da partiti che nonostante sia siano rinnovati in vario modo sono oggi come mai distanti dai cittadini e dalle loro esigenze.

e da “Politica in penisola”
Campagna elettorale: finita l’epoca delle “lotte per i manifesti”.
A rimpiangere le vecchie campagne elettorali sono soprattutto le tipografie che in tempo di elezioni stampavano senza soste ogni tipo di materiale: manifesti, santini, volantini, fac-simile, brochure e tutto quanto altro i candidati utilizzavano per promuoversi presso gli elettori e mantenere vivo il ricordo del partito, del nome, della scheda di voto.

Questa mattina, l’ineffabile Marco Presta, dal Ruggito del Coniglio su Rai2,  parlando proprio di questa insolita situazione ha declamato 
CCA’ NISCIUNO E’ AFFISSO” citando inconsapevole una nostra campagna realizzata negli anni 90 per una società di controllo delle affissioni.

Eccola qui, vent’anni e non li dimostra.